Un po' più complessa di altre, ma non impossibile. Università. Questa è una domanda che capita se il tuo corso di studi è abbastanza lontano da quello che di solito si vede per una certa posizione: Insomma, se hai studiato Storia e cerchi lavoro nel Marketing, aspettati una domanda del genere. Alexandra Savescu. Ami avere nuove sfide ogni momento, o preferisci ricavarti una sicura routine? Senza partire da una passione personale, ti chiedono qualche dettaglio sulle tue preferenze. Così con il miglio a Sud arrivi sulla circonferenza, con il miglio a Ovest percorri l'intera circonferenza, e con il miglio a Nord ritorni al punto di partenza. Avresti problemi a seguire le indicazioni? Come descriverebbe le sue capacita di leadership?Esempio di risposta eccellente:Mi ritengo un leader che ama far […] C'entra invece con la tua personalità: una domanda del genere serve per metterti in una situazione astratta, toglierti qualche paletto mentale, e vedere come ragioni a briglia sciolta. Una domanda sulle competenze informatiche è quasi assicurata. Sì: se scegli un caricabatterie, un DVD e un muffin, e non trovi un modo di giustificare queste scelte, magari il selezionatore inizia a dubitare delle tue capacità logiche. Allora la tua passione è meno profonda di quanto credi! Cerca di sottolineare soprattutto l'impegno che ci metti! È possibile quindi che ti chiedano cosa faresti, per valutare le tue capacità manageriali, e per assicurarsi che sia in grado di fare il tuo dovere quando necessario, e che riesca a farlo in modo tale da non danneggiare l'azienda. L'Enpa scrive a papa Francesco: "No al divieto di tenere animali negli immobili del Vaticano" Sono tantissime le cose che un viaggio può dire su di te, su chi sei e su cosa cerchi! Lavorare come commessa: descrizione del lavoro, responsabilità, compiti e mansioni principali. La domanda è un trabocchetto: la lumaca, al netto di salita e discesa, risale di un metro ogni giorno, quindi la prima risposta che verrebbe da dare è 7 giorni per 7 metri…. Ma poi aggiungi cosa questo ti abbia insegnato, e che consapevolezza ha portato nel modo in cui affronterai il nuovo lavoro! Press alt + / to open this menu. Insomma, evita serpenti, bradipi e puzzole e non avrai problemi! Infatti, per quante cose tu possa provare - chiedere aiuto a colleghi, contestare la scadenza, cambiare il fuso orario di Greenwich, tornare nel passato - il selezionatore non cambierà i termini della domanda: quel rapporto non riuscirai a finirlo nei tempi dovuti, è troppo lungo. E allora potresti parlare del prestigio di cui gode nel settore, della sua crescita, dell'ambiente di lavoro, della mission aziendale, del carisma riconosciuto dei capi... La domanda è semplice, ma la risposta no. Allora pensa alla lista dei tuoi pregi, e cerca tre lati del tuo carattere su cui puntare. Non mostrarti incapace di licenziare, ma nemmeno un amante dei licenziamenti: Cerca di mantenerti a metà strada, capace di svolgere questo dovere, poco piacevole, quando e se necessario. Anche non usare alcun strumento dice qualcosa su di te: o che hai una memoria formidabile e una capacità innata di organizzazione, oppure che non sei così organizzato come credi. Invece al Polo Sud, è più complicato: devi trovare una circonferenza di un miglio con il centro esattamente nel Polo, e poi iniziare a camminare da un punto che si trovi un miglio a Nord rispetto alla circonferenza che hai individuato. Nel caso contrario, vuol dire che hanno visto in te possibilità adeguate, anche senza esperienza diretta. Titoli di studio, corsi di perfezionamento, corsi di aggiornamento: inizia partendo dai titoli che sono più importanti e poi elenca gli altri - meglio che ti giochi subito le carte migliori che hai a disposizione. È possibile creare un cv da zero completamente personalizzato ma puoi usare anche un modello di curriculum online già impostato.. Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Domande Aperte. Oppure faresti una colazione da Tiffany con Holly? Jump to. O al contrario se sei disposto ad investire tutto quello che puoi dare nel lavoro, anche oltre i limiti “tradizionali”. Ci sono incontri che possono aver dato una svolta unica alla tua vita: capire chi e perché, è un modo per capire qualcosa di più su di te. Ecco perché ti conviene leggere la guida che spiega nel dettaglio come rispondere alla domanda sui tuoi punti di forza! Le domande aperte invece sono più “colloquiali”, consentono all’interlocutore di esprimersi liberamente e di far emergere ciò che desidera comunicare. Una ricerca. Se la ricerca sull'azienda è obbligatoria, conoscere anche la situazione del mercato di riferimento è il passo successivo. Over 100,000 English translations of Italian words and phrases. Domande aperte: quando, come e perché usarle! Quindi la cassa etichettata come “solo arance” deve per forza avere la frutta mista, e l'ultima cassa sarà solo di arance - e se tiri fuori un'arancia, segui lo stesso ragionamento e avrai la risposta. Aspettatela quindi se hai indicato molte qualità, senza aver messo però elementi concreti a supporto (ricorda la regola d'oro, show don't tell). Le domande aperte servono anche a questo: non solo a capire quello di cui il cliente ha bisogno, ma anche quello di cui potrebbe avere bisogno, e di cui magari non si rende conto nemmeno lui. Ma in ogni caso non puoi aspettare di verificarlo controllando davvero le lancette, quindi la risposta è...22, contare per credere! Basta che inizi dando tu qualche informazione sull'azienda e poi passi a chiedere informazioni più nel dettaglio su aspetti specifici, e il gioco è fatto! Con l'ultimo colpo di coltello taglia la torta a metà in senso orizzontale: così i pezzi diventano otto, e il coltello può esplodere felice di aver raggiunto il suo scopo! Gli strumenti che il venditore ha a sua disposizione sono le domande aperte che devono essere: Sono le domande che richiedono sempre una risposta meditata, che faccia riflettere il cliente, e devono essere fatte nel momento adatto: qui entra in gioco la sensibilità del venditore, che deve essere anche un po’ psicologo, e cercare di individuare non solo le esigenze evidenti del cliente, ma anche quelle latenti. Richard Branson è tra quelli che non amano i Curriculum Vitae così tanto da basarsi solo su quello che c'è scritto - altrimenti il colloquio a cosa serve? Ah, non possono sapere se quello che gli dici è davvero l'ultimo in ordine cronologico, quindi puoi scegliere quello che vuoi: non sbagliare scelta! Dimostra come la nuova posizione sia perfettamente coerente con la tua pianificazione, e concentrati su quel punto, senza essere troppo dettagliato sul futuro: Non dare l'idea di aver già pianificato anche quando lascerai la nuova azienda! O quasi. In pratica le domande aperte hanno come scopo principale quello di accompagnare il venditore ed il cliente verso una graduale e reciproca comprensione dei bisogni (espliciti o meno) di quest’ultimo. Magari conoscono il tuo Curriculum anche meglio di te, ma hanno intenzione di capire cosa resta delle tue esperienze se le togli dalla forma artificiale del CV. Sei andato al mare in un resort di lusso? Se la maggior parte del tuo Curriculum Vitae è occupato dagli studi, aspettati qualche domanda più specifica su quello che hai studiato. Ogni lavoro procura una certa quantità di stress, e sapere cosa fare per gestirlo è un ottimo punto a tuo favore. Queste prime cinque domande sono le domande più frequenti in un colloquio di lavoro: Sono domande generiche, buone per ogni tipo di colloquio professionale, anche per il colloquio telefonico. Il suggerimento automatico consente di limitare rapidamente i risultati della ricerca grazie al suggerimento di corrispondenze possibili durante la digitazione. Mr President, when the Commission placed an order with the software company SAP at no time did it think in terms of an order of magnitude of 4 000 users. La differenza salta subito agli occhi: è evidente che la prima tipologia di domande, fatta all’inizio, non crea opportunità di interazione fra venditore e cliente, e presuppone una risposta perentoria che ha il 50% di possibilità di essere negativa e di chiudere la nostra intervista prima del dovuto. Quando racconti la tua storia quindi, sottolinea tutto quello che hai fatto, assumiti le tue responsabilità, senza scadere mai in commenti spiacevoli per i tuoi capi precedenti: non è il caso di darti a pettegolezzi inutili. O magari stanno testando la tua ambizione - o la mancanza di ambizione? Quiz del migliore amico. È raro - molto raro - che le aziende valutino positivamente l'incapacità di rispettare le scadenze, fosse anche per raggiungere la perfezione! È una domanda generale, di introduzione alle tue esperienze attuali: vogliono saperne di più su quali sono le tue mansioni ordinarie, su come è organizzata la tua giornata lavorativa e su quali sfide ti concentri giorno per giorno. O una reputazione cristallina dell'azienda? Sono molte le sfumature che può assumere questa domanda, tu fai riferimento a situazioni reali per dimostrare la tua attitudine nel modo più dettagliato possibile: Nel contesto lavorativo (o di studio, nel caso fossi un neolaureato), senza dubbio avrai avuto occasione di metterti alla prova in un gruppo. Ma non è il caso di essere impulsivi: certo, la risposta la conosce, ma se te lo chiede un motivo c'è. Enfatizza un paio di caratteri del tuo modo di lavorare che siano in linea con quanto ti aspetti dal nuovo lavoro! Come per le lingue, se hai un certificato parlane, altrimenti descrivi le tue abilità in modo oggettivo - o almeno nel modo più oggettivo possibile! Le domande aperte possono essere degli strumenti utili per entrare in empatia con gli altri. “Il caffè, nero e amaro come un lunedì mattina”. http://www.comunicareconvincere.com/tecniche-vendita-parole-chiusura-trattativa/ Simulazione: meglio domande aperte o chiuse? Ragiona a voce alta, e non ti preoccupare anche se dai una risposta sbagliata: per l'esaminatore è un buon modo per vedere come affronti gli errori! In entrambi i casi, è della tua vita personale che si sta parlando, devi essere pronto a rispondere avendo ben chiaro cosa significa una risposta affermativa. È naturale porti domande del genere, anche perché durante il colloquio lavoro commessa non sai chi ti troverai di fronte e chi esaminerà il tuo curriculum. I motivi sono infiniti: a prescindere da quale sia il tuo, cerca di dare una spiegazione che sia accettabile da un punto di vista lavorativo, e che non metta in evidenza la curiosa relazione tra le lezioni mancate e le partite della tua squadra del cuore! È un modo per dare concretezza alla frase del tuo curriculum che dice “Ottime abilità interpersonali”. E poi cerca un momento complicato della tua carriera - di studio o di lavoro - che ti ha messo in difficoltà, ma da cui sei uscito: parlane, e soprattutto parla di quello che hai imparato! In ogni caso, l'importante è che tu riesca ad argomentare con convinzione le tue scelte: stanno valutando se hai fatto le tue scelte a caso o seguendo un filo logico, se avessero pensato che non hai gli studi giusti non ti avrebbero nemmeno chiamato per il colloquio! Immagina che arrivi Jeff Bezos e ti dia 40.000 dollari per la tua nuova azienda: cosa fai? Focalizzati sugli elementi che l'azienda stessa valuta maggiormente: hai fatto le tue ricerche, sai come la società vuole presentarsi. Se non c'è accordo, è perché non c'è una risposta migliore a priori, ma devi scegliere quella che funziona meglio nel tuo caso specifico. Sections of this page. Può succedere che sul momento non ti vengano in mente proprio i momenti migliori, e che quindi sprechi quest'occasione per fare una buona impressione. Me se la risposta che ti viene sarebbe da censura, ripensaci: La convivenza è stata difficile? È una delle domande che si è diffusa di più a partire dai colloqui di Google, è anche stata tra quelle che hanno contribuito alla moda delle domande “brainteaser” nei colloqui di lavoro - soprattutto nei colloqui per lavori IT. Certo, “perfetto in tempo” sarebbe il massimo, ma sai che non può accadere. Inizia parlando degli aspetti che secondo te possono essere più rilevanti per la nuova posizione, e poi entra sempre più nei dettagli. No, se scegli oggetti che possono avere una giustificazione logica - che ovviamente dai. O meglio, sicuramente se prendi 51 calze, quando esci sei certo di averne un paio dello stesso colore, ma non è il numero più basso che puoi trovare! Sign Up. Dunque, restando nelle ipotesi iniziali, è abbastanza immediato capire come fare: con due tagli perpendicolari tagli la torta in quattro pezzi identici. Non essere generico, o sbrigativo: se te lo chiedono è perché vogliono sentire una risposta dettagliata! Il principale obiettivo del venditore, durante il colloquio iniziale, è quello di accumulare importanti notizie sul cliente, che gli permettano di capire come andargli incontro e proporgli il prodotto giusto. In base alla posizione che occuperai nell'azienda, queste informazioni possono essere più o meno importanti: in ogni caso sono un valore aggiunto, se ne hai la possibilità fai qualche ricerca anche su questo! Le risposte più positive sono quelle che puntano ad attività ricreative o hobby: niente di meglio di una seduta di yoga o di una corsa nel parco per riappacificarsi con il mondo! Non sempre si può essere d'accordo con le istruzioni che arrivano dall'alto, e questo capita a chiunque. Sempre di più le lingue sono uno dei primi elementi che vengono cercati dalle aziende. Pensi non abbiano avuto voglia di leggere il CV? Nel rispondere, inizia dal processo che porta al licenziamento: Assicurati di aver provato ogni altra soluzione, e, nel caso fossi obbligato, puoi dire che seguiresti questi quattro passi: Ti berresti un “Vodka Martini: agitato, non mescolato” con James Bond? Battute a parte, scegli con cura le passioni personali che metti nel tuo Curriculum Vitae, e indica solo quelle in cui sei davvero un appassionato, perché le reazioni possono essere due: L'esaminatore ti chiede maggiori informazioni sull'argomento, per capire meglio che aspetti della tua personalità vengono messi in evidenza da un particolare hobby; Oppure può anche capitare che il reclutatore - strano ma vero è una persona reale anche lui, con passioni e interessi - sia un fan della stessa cosa, e quindi potresti ritrovarti a raccontare una seduta di D&D particolarmente appassionante al tuo prossimo capo!